990x27_promo

Blog Archivi su -

Recensioni / Soddisfatti o rimborsati Satisfiction propone la prima recensione "interattiva". Funziona cosí: se la critica di Satisfiction ti convince a comprare il libro, ma dopo averlo letto ritieni che l'entusiasmo di Satisfiction ha deluso le tue aspettative, invia una mail a redazione@satisfiction.me che spieghi perché il libro che Satisfiction ti ha segnalato non era veramente "imperdibile e assolutamente da leggere": Satisfiction ti rimborserà il prezzo di copertina.

Il colore è una variabile dell’infinito

Il colore è una variabile dell’infinito

Roberta Torre / Baldini&Castoldi

L’ingegnere aeronautico Pierluigi Torre, nato a Vieste nel 1902, considera la matematica un gioco bellissimo, e le formule aritmetiche un modo chiaro e preciso per dare una spiegazione ad ogni cosa. Fin da bambino, come si capisce dalle prime pagine del libro, Pierluigi ama immaginare e sperimentare; passione che lo porterà nel 1933, dopo essersi laureato in ingegneria meccanica, a

Rubriche

La metamorfosi (“Die Verwandlung”, 1915) di Franz Kafka

Inception

La metamorfosi (“Die Verwandlung”, 1915) di Franz Kafka

Destandosi un mattino da sogni inquieti, Gregor Samsa si trovò tramutato, nel suo letto, in un enorme insetto. Se ne stava disteso sulla schiena, dura come una corazza, e per poco che alzasse la testa poteva vedersi il ventre abbrunito e convesso, solcato da nervature arcuate sul quale si reggeva a stento la coperta, ormai prossima a scivolare completamente a

Francesco Muzzopappa: Affari di famiglia

The BookVoice

Francesco Muzzopappa: Affari di famiglia

Sin dalla prima pagina la contessa Maria Vittoria dal Pozzo della Cisterna, la protagonista di “Affari di Famiglia” (edito da Fazi), rivela la sua vera natura, ostentandola con ironico puntiglio in ogni sua affermazione, algida e respingente come un iceberg in mare aperto. Eppure, Francesco Muzzopappa – dopo il felice esordio con “Una posizione scomoda” – riuscirà persino a farci

Celan primo e ultimo

SatisFacta

Celan primo e ultimo

Le due poesie di Paul Celan (Czernowitz, 23 novembre 1920-Parigi, 20 aprile 1970) qui tradotte in prima mondiale delimitano in modo emblematico l’itinerario poetico del loro autore. L’una appartiene a un quaderno consegnato all’amica Ruth Kraft nell’estate del 1944. Collocata all’inizio del quaderno e pubblicata poi come prima di una breve serie nel 1948 sul quotidiano zurighese “Die Tat”, la

Deconstructing Chiara Gamberale – 3. Mettere i soldi nel tassametro: i misteri della lingua gamberalica

Bookshock

Deconstructing Chiara Gamberale – 3. Mettere i soldi nel tassametro: i misteri della lingua gamberalica

Domenica prossima “Per dieci minuti” (PDM) di Chiara Gamberale riceverà il sessantaduesimo Premio Bancarella. Il pronostico è scontato allo stesso modo in cui era scontato quello che designava “Il desiderio di essere come tutti” di Francesco Piccolo vincitore dell’ultima edizione del Premio Strega. E è corretto che vada così, ché altrimenti sarebbe un’ingiustizia. Non tanto per una questione di qualità

Il “caso” Lautréamont. L’edizione degli Chants de Maldoror

Mal visti, mal detti

Il “caso” Lautréamont. L’edizione degli Chants de Maldoror

1868. Il 10 novembre, il montevideano Isidore Ducasse, da qualche mese a Parigi a tentare la fortuna letteraria, decide di scrivere a Hugo, all’«apocalyptique» Victor: «Sono passate tre settimane da quando ho consegnato al Sig. Lacroix il SecondoCanto, affinché lo stampi insieme al primo. Ho scelto lui perché nei suoi uffici ho visto un suo busto, anche se già sapevo

Inediti

Alessandro Berselli. Anche le scimmie cadono dagli alberi

Alessandro Bertell

Alessandro Berselli. Anche le scimmie cadono dagli alberi

Fine umorista, Alessandro Berselli con “Anche le scimmie cadono dagli alberi” (Piemme) torna alla scrittura umoristica dopo aver firmato diversi romanzi noir. Samuel Ferrari, il suo protagonista, lavora per una bieca multinazionale che sta allegramente distruggendo il mondo – cosa che gli procurerà non pochi problemi – ma la sua è un’esistenza anestetizzata, disimpegnata, forse persino educata all’errore. Sul suo

Silverio Novelli. Quando la creatività sposa la sintassi

Slverio Novelli

Silverio Novelli. Quando la creatività sposa la sintassi

Silverio Novelli fa parte di quel pugno di italiani che sorvegliano l’evolversi della nostra lingua, captandone con sensibilità da rabdomante i cambiamenti, le rovine, le derive e le trasformazioni. In questa conversazione con Maria Caterina Prezioso svaria a tutto campo – usiamo una metafora cara all’italiano degli ultimi anni, calcistico – dalla lingua ai libri, cartaceo ed e-book, società e politica,

Veronica Tomassini anteprima. Christiane deve morire

Veronica Tomassini

Veronica Tomassini anteprima. Christiane deve morire

Anticipiamo un brano da “Christiane deve morire”, romanzo di Veronica Tomassini in uscita da Gaffi nella collana “Godot”, presentato da Giovanni Pacchiano. # Nel settembre 2010, quando ancora scrivevo sul supplemento domenicale del “Sole”, mi capitò di leggere un breve romanzo uscito presso un piccolo editore milanese, Laurana. Titolo: Sangue di cane. Dell’autrice, Veronica Tomassini, nulla sapevo, se non che

Wendell Berry: il primo capitolo di “Jayber Crow”, il nuovo “Stoner”

Wendell Berry

Wendell Berry: il primo capitolo di “Jayber Crow”, il nuovo “Stoner”

  Satisfiction non ha mai sbagliato (o quasi) nell’intuire i romanzi culto. Dopo “Stoner” di John Williams, che abbiamo lanciato noi facendolo diventare il libro che tutti sapete (come pubblicamente affermato da Elido Fazi), finalmente un altro romanzo destinato a diventare oltre che un “cult” anche un longseller. E’ “Jayber Crow” di Wendell Berry: un romanzo scritto con rara maestria,

Giacomo Verri inedito. La stabilità del caos

Giacomo Verri

Giacomo Verri inedito. La stabilità del caos

Dopo Partigiano inverno, edito da Nutrimenti e particolarmente apprezzato dalla critica, Giacomo Verri ha scritto La stabilità del caos, non ancora pubblicato. Un testo che trova una descrizione fulminea nelle stesse parole dell’autore: “un romanzo, malinconico e spudorato, sulla fine dei desideri, sul declino delle responsabilità, sull’idiota e feroce dittatura del godimento. Sull’oggi, insomma”. I quattro protagonisti, io narrante compreso,

Satisfiction su carta