990x27_promo

Andrea Lombardi immagine andrea lombardi

Andrea è un cocktail IBA di mare, Céline, Villon, Jarry, Rimbaud, Bardeche, von Salomon, Orwell, Huxley, Vonnegut, de Boccard, Buzzati, Piero Ciampi, Pomponio Flato, una scorza di HPL, uno spruzzo di Port d’Amsterdam e tonnellate di gatti. Appassionato di storia militare e letteratura del 1900, è artefice del primo sito internet italiano sullo scrittore Louis-Ferdinand Céline, su cui ha pubblicato diversi saggi, come “Céline ci scrive. Le lettere di Louis-Ferdinand Céline alla stampa collaborazionista francese”, 1940-1944, prefazione di Stenio Solinas, Settimo Sigillo, Roma 2011.

Andrea Lombardi su Satisfiction.me:

Il funerale di Céline di Lucien Rebatet
Andrea Lombardi /

Il funerale di Céline di Lucien Rebatet

 Autore del “best seller” della Collaborazione Les Décombres, pubblicato nel 1942 e rivaleggiante per asprezza con i pamphlet céliniani, Rebatet fu uno degli intellettuali francesi più vicini a Céline, prima e durante la guerra (indimenticabile il suo ritratto di quest’ultimo a Sigmaringen) e sino alla morte di Louis-Ferdinand Destouches il 1° luglio 1961, come testimoniato dal seguente passo tratto dal

Le ultime parole di Brasillach su Céline
Andrea Lombardi /

Le ultime parole di Brasillach su Céline

Il 6 giugno 1944 gli Alleati sbarcarono in Normandia, scatenando dei durissimi bombardamenti sulle città normanne. Specialmente colpite furono le città di Rouen e Caen, con gravissime perdite tra i civili, la distruzione di numerosi beni architettonici francesi, e limitati danni invece alle poche forze tedesche dentro le città. Robert Brasillach, del quale ricorre in questi giorni il 70° anniversario

Céline nel paese dei Soviet!
Andrea Lombardi /

Céline nel paese dei Soviet!

Negli anni ’30, il “pellegrinaggio in Russia” era un must per gli intellettuali occidentali, curiosi di vedere con i loro occhi il “paradiso socialista” propalato dalla ben oliata macchina propagandistica sovietica e dai partiti comunisti europei ai quali capillarmente si riferiva tramite l’appositamente creata “Unione degli scrittori sovietici per le relazioni con l’estero”. Quasi tutti questi intellettuali, a parte notevoli

Ezra Pound. Se questo è un tradimento
Andrea Lombardi /

Ezra Pound. Se questo è un tradimento

Un eretico celebra un altro eretico: quello che segue è l’adattamento e traduzione in francese fatta da Ezra Pound stesso nel secondo dopoguerra del suo discorso radiofonico in inglese “A French Accent” dell’11 maggio 194. Questo discorso, dove Pound mette in rilievo tutto il valore della rivoluzione céliniana del linguaggio, sposando anche le controverse posizioni ideologiche di Céline espresse nei

Di prossima pubblicazione un’edizione limitata del manoscritto del Viaggio al termine della notte
Andrea Lombardi /

Di prossima pubblicazione un’edizione limitata del manoscritto del Viaggio al termine della notte

Dal 2 giugno 2014, le éditions des Saints-Pères metteranno in vendita 1.000 copie del manoscritto del Voyage, acquistato dalla BNF per 1.82 milioni di Euro nel 2001, da allora mai digitalizzato e concesso in visione solo a pochi, sceltissimi ricercatori. Un must per i céliniani più accaniti! Qui di seguito, Jérome Dupuis, nella traduzione di Gilberto Tura, ripercorre le intricate

Dominique de Roux. La morte di Céline
Andrea Lombardi /

Dominique de Roux. La morte di Céline

Questa opera dello scrittore, editore e agitatore culturale francese Dominique de Roux (1935-1977), pubblicata in Francia nel 1966, tradotta per la prima volta in italiano e di prossima pubblicazione per i tipi di Lantana Editore di Roma (info@lantanaeditore.com – edizione italiana a cura di Andrea Lombardi, traduzione di Valeria Ferretti, con una nuova prefazione di Marc Laudelout, editore del Bulletin

“I poveri… feroci e disgustosi proprio come i ricchi!”
Andrea Lombardi /

“I poveri… feroci e disgustosi proprio come i ricchi!”

Il bravo attore francese Denis Lavant, al termine della presentazione su di una rete TV del suo adattamento teatrale del “Timone d’Atene” – il denaro: finanza, usura, disuguaglianze e ridistribuzione da Shakespeare a Karl Marx ­– recita con passione dei brani di alcune taglienti lettere scritte da Louis-Ferdinand Céline a Roger Nimier (in villeggiatura in Bretagna) nel luglio-agosto 1959, causando

Céline, o “l’altra parte” demoniaca del mondo
Andrea Lombardi /

Céline, o “l’altra parte” demoniaca del mondo

Gerhard Heller, vero amante della cultura francese e antinazista, “censore che si batté perché i libri fossero pubblicati, militare – suo malgrado – che chiuse gli occhi sulle attività della Resistenza intellettuale, un tedesco attaccato al suo popolo ma affascinato dalla cultura francese”, fu a capo del Reparto Propaganda tedesco a Parigi (sezione Letteratura), negli anni dell’Occupazione tedesca (1940-1944). Da

Le verità di Céline: la notte e la morte
Andrea Lombardi /

Le verità di Céline: la notte e la morte

In Céline si ritrovano le stimmate caratteristiche dei grandi scrittori, le persecuzioni da parte di coloro che nel loro quieto vivere si sentono irritati da uno spirito anticonformista e polemico, l’inappagato desiderio di totale libertà per una meditazione in solitudine lontano dagli ambienti in cui tutte le classi sociali, aristocratiche e proletarie, perseguono con avidità gli stessi miseri privilegi, la

Intervista controcorrente a Eric Mazet su Céline, Bagattelle, Mea Culpa
Andrea Lombardi /

Intervista controcorrente a Eric Mazet su Céline, Bagattelle, Mea Culpa

Pubblichiamo un estratto di una lunga intervista di Émeric Cian-Grangé a Éric Mazet, tra i più brillanti studiosi céliniani. In questi passi Mazet affronta in maniera decisamente controcorrente alcuni “temi caldi” della biografia di Céline; pochi sanno infatti come Céline agli inizi degli anni ’30 paventasse l’espandersi del nazismo e del fascismo in Europa, come confidò più volte ad alcune

Lucette Almansor: Cento anni con Céline.
Andrea Lombardi /

Lucette Almansor: Cento anni con Céline.

In occasione dei cento anni di Lucette Almansor, ballerina e terza moglie di Louis-Ferdinand Céline, eterna custode della sua memoria e della sua opera letteraria, pubblichiamo questa intervista del 1998 per Un siécle de ecrivains: Intervistatore: Quando avete conosciuto Céline? Lucette Almansor: Tempo fa. Molto tempo fa. Ritornavo dall’America, avevo lasciato l’Opera Comica e mi allenavo con un grande istruttore

Arletty: “Le donne non hanno niente da dire su Céline”.
Andrea Lombardi /

Arletty: “Le donne non hanno niente da dire su Céline”.

Arletty, nome d’arte dell’attrice Léonie Marie Julie Bathiat (nata da famiglia operaia a Courbevoie nel 1898 e morta nel 1992), fu una delle più care amiche di Céline e della sua ultima moglie Lucette Almansor, frequentando abitualmente la loro casa di Meudon. Attrice teatrale e cinematografica (lavorerà con Jean Choux, Michel Simon, Ludwig Berger, Jacques Prévert, Erich von Stroheim…), ebbe

L’amico S.S. di Céline.
Andrea Lombardi /

L’amico S.S. di Céline.

Durante l’occupazione tedesca di Parigi, il Colonnello delle SS Hermann Bickler ebbe l’incarico di sorvegliare le personalità francesi della città, conoscendo così un gran numero di esponenti della cultura francese del periodo, tra i quali Louis-Ferdinand Céline. Di seguito un ricordo inedito in Italia degli incontri tra l’alto ufficiale nazista e un Céline tra il maledetto e il bohèmienne:  

La Danza continua: inedito di Louis-Ferdinand Céline dall’esilio danese.
Andrea Lombardi /

La Danza continua: inedito di Louis-Ferdinand Céline dall’esilio danese.

Nel 2011 la casa d’aste Artcurial metteva in asta un piccolo lotto di trentasei lettere scritte da Louis-Ferdinand Céline al chirurgo Dottor Alexandre Gentil (1878-1949), suo amico e corrispondente negli anni dell’esilio in Danimarca di Céline dal 1945 al 1948. Sconosciuto anche ai ricercatori céliniani più esperti e inedito, questo carteggio rivela molti dettagli della quotidianità di Céline e Lucette

La prima vita di Céline: il corazziere a cavallo Louis Destouches nella prima guerra mondiale
Andrea Lombardi /

La prima vita di Céline: il corazziere a cavallo Louis Destouches nella prima guerra mondiale

Louis Destouches si arruolerà il 28 settembre 1912, con ferma triennale, nel 12eme Régiment Cuirassiers (12° Reggimento Corazzieri) di stanza a Rambouillet, nel dipartimento degli Yvelines nella regione dell’Île-de-France. Il 12eme “Cuir” era un’unità scelta, con una lunga tradizione militare risalente al 1668: creato da Luigi XIV per suo figlio quale Régiment “Dauphin-Cavallerie”, fu rinominato 12° Reggimento di Cavalleria nel

VIAGGIO IN FONDO ALL’ODIO.
Andrea Lombardi /

VIAGGIO IN FONDO ALL’ODIO.

Di seguito, l’eccezionale intervista della giovane giornalista Madeleine Chapsal (nella foto) a Louis-Ferdinand Céline, pubblicata su L’Express n° 312 del 14 giugno 1957: come in altre occasioni, al di là dei temi toccati, sin dalle prime battute sarà Céline a condurre l’intervista, portandola sui binari di una vertiginosa invettiva che non dà – e soprattutto non chiede – quartiere.  Andrea

Céline contro Sartre.
Andrea Lombardi /

Céline contro Sartre.

Nel 1947 Louis Ferdinand Céline, dopo aver appreso dallo scrittore Albert Paraz che Jean-Paul Sartre, nel suo Portrait d’un antisémite (apparso su Les Temps Modernes nel dicembre 1945, e nell’ottobre 1947 ripreso da Gallimard nel volume Rèflexions sur la Question juive), aveva scritto: “Se Céline ha potuto sostenere le tesi socialiste dei nazisti, è perché era pagato”, scriverà in risposta

Céline a Sigmaringen
Andrea Lombardi /

Céline a Sigmaringen

Lo Schloss Sigmaringen, residenza degli Hoehnzollern dall’anno Mille; il “Castello dei rifugiati”, politici, miliziani e intellettuali francesi Collaborazionisti, lì riparati nel 1944 dopo lo sbarco Alleato in Francia: tra loro Louis-Ferdinand Céline e Abel Bonnard, romanziere, saggista, membro dell’Académie Française e Ministro dell’Educazione a Vichy; condannato a morte e poi graziato, preferì restare esule e morì in Spagna nel 1968.

Céline, Lucette e Rigodon
Andrea Lombardi /

Céline, Lucette e Rigodon

In questa intervista del 1969 di Philippe Djian l’ultima moglie di Céline e sua fedele compagna, Lucette Almansor, tuttora vivente e custode dell’opera letteraria del marito, parla dei temi e della complessità della (ri)scrittura del romanzo Rigodon, della loro odissea dalla Germania sotto le bombe all’esilio danese, dell’ostilità di Sartre e dell’amicizia di Marcel Aymé e del suo Céline intimo.  

Intervista di Louis Pauwels e André Brissaud a Louis-Ferdinand Céline
Andrea Lombardi /

Intervista di Louis Pauwels e André Brissaud a Louis-Ferdinand Céline

Primavera 1959 Quando si arriva davanti alla casa di Louis Ferdinand Céline a Meudon, la prima cosa che si nota è questa insegna: [Lucette Almansor, Danza Classica, NdC]. Lucette Almansor è la moglie di Louis Ferdinand Celine. Ha attraversato con lui una serie di sofferenze. Lei sa che è difficile vivere con un genio. Nascosta tra le foglie, c’è la