990x27_promo

Lello Voce immagine lello voce

Lello Voce (Napoli, 1957), poeta, scrittore e performer conosciuto in tutto il mondo, è stato tra i fondatori del Gruppo 93 e delle rivista Baldus. Tra i suoi libri e CD di poesia ricordiamo “Farfalle da combattimento”, “Fast Blood” e “L’esercizio della lingua”, mentre i suoi romanzi sono stati riuniti ne “Il Cristo elettrico”. Ha curato “L’educazione dei cinque sensi”, antologia del maestro del concretismo brasiliano Haroldo De Campos. Ha introdotto in Italia il Poetry Slam ed è tra i pionieri europei del nuovo incontro tra poesia e musica, come dimostrano gli spettacoli di spoken music tenuti in tantissime città italiane, europee, nelle Americhe e in Asia. E’ tra i fondatori del WPM (World Poery Movement).

Lello Voce su Satisfiction.me:

Quel “santino” di Pasolini
Lello Voce /

Quel “santino” di Pasolini

Partiamo da un aneddoto. Giorni fa ho provato, su Facebook, a dire, sinteticamente e apoditticamente come si confà a un ‘social’, la mia su Pier Paolo Pasolini. Pur essendo abituato a ricevere risposte aggressive ogni volta che provo a mettere in dubbio tutte le indiscutibili qualità di uno dei due santini ufficiali della sinistra Sinistra italiota (l’altro è Berlinguer, benignamente

Stagione di premi letterari: la prosa è uno Strega, ma la poesia è una Scimia che si chiama Tombo
Lello Voce /

Stagione di premi letterari: la prosa è uno Strega, ma la poesia è una Scimia che si chiama Tombo

La scimia (con una sola m) Tombo è la protagonista di un celeberrimo racconto di un celeberrimo irregolare delle nostre lettere, Tommaso Landolfi.  Di proprietà di due zittelle (con due t), Tombo di notte si scioglie dalla catena, fugge via dalla sua gabbia e va nel vicino convento dove, salita sull’altare, mimando il rito sacro, mangia ostie e beve vino, per giungere una

Filologia fa rima con malattia?
Lello Voce /

Filologia fa rima con malattia?

Ho appena terminato di leggere l’introduzione e alcuni degli apparati introduttivi di Poesia e Storia, coordinato da Niva Lorenzini e Stefano Colangelo uscito per la serie universitaria di Bruno Mondadori. Ovviamente mi riservo di dedicare più tempo e attenzione al tutto, ma un’osservazione mi piace farla subito, poiché si è imposta alla mia attenzione con forza. Il testo si propone

Di un giovane poeta chiamato Dubito e del suo respiro….
Lello Voce /

Di un giovane poeta chiamato Dubito e del suo respiro….

Ho conosciuto Alberto Feltrin, detto Dubito, quando ancora andava a scuola, nello stesso Liceo Artistico dove insegno io. Più che conoscerci ci siamo riconosciuti. Avevamo gli stessi difetti: fumavamo troppo, avevamo un insano e maniacale amore per la poesia e per la musica, sul palco tendevamo a urlare, a star sopra le righe, a far dell’arte, innanzi tutto, una faccenda

Imitazioni? No grazie
Lello Voce /

Imitazioni? No grazie

Hai voglia a provare a far finta di nulla e a dimenticare che l’Ytaglia è l’Ytaglia e che qua tutto accade in certo modo che una volta si sarebbe definito sciatto e provinciale, almeno ogni volta che LorSignori del mainstream ci mettono le loro manacce sopra. Questa volta tocca alla video-poesia. Sono ormai almeno tre lustri che nel mondo si

Capolavori? No, grazie! Canoni? Abbiamo già dato!
Lello Voce /

Capolavori? No, grazie! Canoni? Abbiamo già dato!

E’ stato pubblicato sul Giornale un lungo articolo di Pierfrancesco Borgia che, prendendo spunto dalla pubblicazione in Francia di A propos des chefs-d’oevre (Grasset) di Charles Dantzig, prova, secondo una formula-calco ahimè ben nota ed utilizzatissima dalla stampa specializzata italiota, a replicare il meccanismo, chiedendo a una serie di nuovi autori nostrani di killerare a loro volta grandi del passato.

E l’Itaglia è questa qua.
Lello Voce /

E l’Itaglia è questa qua.

Breve e conciso. Le cose stanno così: ciò che avviene è che ogni volta che si prova a far presente a chi occupa la totalità della sfera semiotica poetica, che la poesia può darsi anche oralizzata, la reazione coatta che ne consegue è che costoro strillino come aquile accusando l’altro di voler costituire gerarchie, di voler escludere chi preferisce scrivere

La critica (e l’antologista) ‘fuori di sé’
Lello Voce /

La critica (e l’antologista) ‘fuori di sé’

Che a criticare lo spoken word siano i poeti di derivazione simbolista, orfica, o crepuscolare c’è ovviamente poco da stupirsi. Anzi, da questo punto di vista, va loro riconosciuta la stessa coerenza che poi, platealmente, perdono quando, tenuti al guinzaglio dal proprio Narciso, salgono sul palco a pronunciare i loro versi. In un bellissimo saggio dedicato all’oralità in poesia, ormai

L’Italia dei “poetini”.
Lello Voce /

L’Italia dei “poetini”.

Nessuno se la prenda a male, ma questa è davvero l’Italia dei ‘poetini’. A gettare uno sguardo a ciò che fanno la maggior parte dei poeti delle nuove e nuovissime generazioni, almeno quelli più ‘visibili’, viene lo sconforto. Mentre nel resto del mondo la poesia si avventura su strade nuove, tenta di ritrovare il senso della propria esistenza, ricollocandosi nel

Manca la critica poetica.
Lello Voce /

Manca la critica poetica.

Il mutamento profondo e radicale che sta attraversando la poesia contemporanea, facendola rinascere come arte dell’orecchio, avrà indubbiamente più difficoltà ad essere recepito, compreso ed accettato se, accanto ai poeti, non saranno presenti i critici e gli storici.  Come ho già avuto modo di sostenere sul Verri, il problema è, però, di categorie analitiche che mancano: i critici sono soprattutto,

Rosaria Lo Russo inedita audio. Nel nosocomio.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Rosaria Lo Russo inedita audio. Nel nosocomio.

  Nel nosocomio audio   . . . . . . Tu che sei nell’alto di Sky, aiutami, Dottor Casa, fa’ che non mi caccino proprio ora che non ho più soldi, dal nosocomio, ormai mi sono affezionato, disinvestirò altri soldi ma tu aiutami, Dottor Casa, assistimi durante la colonscopia che ho domani, ho paura, è la terza, ti mettono

Gabriel Ferrater inedito. “Non voglio puzzare di vecchio”.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Gabriel Ferrater inedito. “Non voglio puzzare di vecchio”.

Gabriel Ferrater (1922-1972) è un grande poeta catalano. In Italia non è molto noto. Anzi, credo sia poco conosciuto perfino dai poeti. In Catalogna e in Spagna Ferrater è un poeta di culto, tanto da essere diventato, a causa della sua prematura scomparsa (a 35 anni, in un café di Plaza Prim, a Reus, aveva confidato a un amico, Jaime

Adriano Padua inedito. Preghiera senza Dio.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Adriano Padua inedito. Preghiera senza Dio.

Adriano Padua è nato a Ragusa nel 1978. Vive a Roma. Ha pubblicato varie opere tra le quali Le Parole Cadute (d’if, 2009) e La presenza del vedere (Polimata, 2010). Lavora nel campo della comunicazione e  e esegue i suoi testi con la collaborazione di dj e musicisti. . . ti porto questo fiore sanguinante sbocciato sul finire nel perdersi

Elisa Biagini inedita. Quando l’occhio si oscura.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Elisa Biagini inedita. Quando l’occhio si oscura.

Elisa Biagini vive in Italia dopo aver studiato e insegnato negli Stati Uniti per vari anni. Sue poesie sono uscite su varie riviste e antologie italiane, americane e non solo (fra le più recenti Nuovissima poesia italiana Mondadori, 2004; Parola plurale Sossella 2005). Ha pubblicato sei raccolte poetiche, alcune bilingui, fra cui L’Ospite (Einaudi, 2004), Fiato. parole per musica (Edizionidif,

José Ángel Valente inedito. Tanquam centrum circuli.
Lello Voce, Paolo Melissi /

José Ángel Valente inedito. Tanquam centrum circuli.

José Ángel Valente (1929-2000) è uno dei più importanti poeti spagnoli della seconda metà del XX secolo.  Dal 1955 inizia il suo esilio volontario che lo porterà prima ad Oxford e dal 1958 a Ginevra, dove morirà. Poeta antiretorico e antisentimentale, vicino per vocazione profonda all’opera di San Juan de la Cruz e alla mistica europea, ebraica ed araba, il

Bernardo Atxaga inedito audio. Le zebre e la morte.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Bernardo Atxaga inedito audio. Le zebre e la morte.

Bernardo Atxaga (Joseba Irazu Garmendia, Asteasu, Guipúzcoa, 1951), poeta, scrittore, sceneggiatore per il cinema, autore di drammi teatrali e libri per bambini, è certamente uno tra i più noti autori baschi contemporanei e fa parte del gruppo di giovani intellettuali che durante gli anni 70 iniziarono a scrivere di nuovo le loro opere nella loro madrelingua, l’Euskera. E’ tradotto in

Marco Simonelli inedito. È solo perché voglio la festa.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Marco Simonelli inedito. È solo perché voglio la festa.

Simonelli (Firenze, 1979) ha pubblicato Sesto Sebastian (2004), Palinsesti (2007), Will(2009) e L’estate sta finendo (2011). Suoi testi sono in uscita nell’ XI quaderno di poesia italiana (Marcos y Marcos). Per Black Sun Productions ha scritto i testi di Hotel Oriente (anarcocks.com, 2010).   È solo perché voglio la festa   In municipio vestiti da black block: se avessimo imparato

Per la prima volta la poesia diventa fumetto.
Lello Voce /

Per la prima volta la poesia diventa fumetto.

Gerald Manley Hopkins , (Stratford, 28 luglio 1844 – Dublino , 8 giugno   1889) , gesuita inglese e poeta geniale, fu capace con il suo ‘sprung rythm’ di rinnovare profondamente la lirica anglosassone e soprattutto di iniziare un nuovo cammino di oralità in poesia. Si può considerare uno dei poeti più audacemente sperimentali della letteratura inglese. Fu ritenuto dalla critica

Maurice Lemaître inedito audio. Lettre rock 2’02” 1957.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Maurice Lemaître inedito audio. Lettre rock 2’02” 1957.

     Lettre rock 2’02” 1957   Lettre rock 2’02” 1957, da Maurice Lemaître présente le Lettrisme, Columbia records, Parigi, 1958. Courtesy Archivio 3ViTre di Polipoesia www.3vitre.it   Lemaître è artista di punta del Lettrismo, attraverso il quale intende operare una totale ricostruzione dell’empireo poetico, basandolo sulla voce umana come unico elemento sonoro senza confondere questa ricostruzione con l’aspetto formale

Bernard Heidsieck inedito audio. Canal Street n.3 1973-76.
Lello Voce, Paolo Melissi /

Bernard Heidsieck inedito audio. Canal Street n.3 1973-76.

Canal Street n.3 1973-76     .. Bernard Heidsieck, estratto di 58” da Canal Street n.3 1973-76, in Voooxing Poooêtre, international sound poetry, a cura di Enzo Minarelli, ottobre 1982. Courtesy Archivio 3ViTre di Polipoesia www.3vitre.it L’estratto ha sapore storico, primo perché compendiato in un LP esaurito da tempo, e meta agognata di collezionati continuamente tesi a stanarlo in qualche