990x27_promo

Roberto Saporito immagineRoberto Saporito

Roberto Saporito è nato ad Alba (CN) nel 1962. Ha studiato giornalismo. Ha pubblicato raccolte di racconti, come “Harley-Davidson Racconti” e “Generazione di perplessi”, e romanzi, tra cui ricordiamo “Anche i lupi mannari fanno surf”. Le sue opere sono state pubblicate in antologie e su innumerevoli riviste letterarie. È membro del comitato scientifico del festival letterario “Letture corsare” che si tiene ad Alba.

Roberto Saporito su Satisfiction.me:

Ambrose Bierce “The Devil’s Dictionary”
Roberto Saporito /

Ambrose Bierce “The Devil’s Dictionary”

Ambrose Bierce “The Devil’s Dictionary” “ozio (s.m.) Intervallo di lucidità nel disordine della vita.” (Ambrose Bierce “Dizionario del diavolo”) “outsider (s.m.) Persona molto critica nei confronti di ciò che è incapace di fare o di diventare.” (Ambrose Bierce “Dizionario del diavolo”) “me (pron. pers.) Un io messo in discussione o sotto accusa, considerando che nella nostra lingua il pronome personale

Nick Laird “Utterly Monkey”
Roberto Saporito /

Nick Laird “Utterly Monkey”

Nick Laird “Utterly Monkey” Prima edizione 2005 “E così facciamo agli altri il male che è stato fatto a noi.” (Nick Laird “La banda delle casse da morto”) “A volte Danny pensava che gli unici lavori veramente degni fossero quelli che potevano essere descritti con una sola parola. Idraulico. Falegname. Contadino.” (Nick Laird “La banda delle casse da morto”) “Guardare

Jakuta Alikavazovic “La Blonde et le Bunker”
Roberto Saporito /

Jakuta Alikavazovic “La Blonde et le Bunker”

Prima edizione 2012 “Intravedere non è vedere, vedere non è riconoscere, riconoscere non è sapere.” (Jakuta Alikavazovic “La bionda e il bunker.”) “Non sono di quelli che quando iniziano una storia hanno già in mente la fine.” (Jakuta Alikavazovic “La bionda e il bunker.”) “Mi sono spesso chiesto cosa combinassero i miei libri in mia assenza.” (Jakuta Alikavazovic “La bionda

Un ricordo di Pier Vittorio Tondelli
Roberto Saporito /

Un ricordo di Pier Vittorio Tondelli

Nel 1980 avevo diciotto anni, e tutto il decennio successivo è stato il campo di battaglia della mia formazione, esistenziale, musicale e letteraria. Quando ho letto “Altri libertini” di Pier Vittorio Tondelli, ho provato quello che ho poi provato poco tempo dopo leggendo i libri dei minimalisti americani (da Bret Easton Ellis a Jay McInerney passando per David Leavitt), avevo

Claudio Piersanti “Venezia, il filo dell’acqua”
Roberto Saporito /

Claudio Piersanti “Venezia, il filo dell’acqua”

Claudio Piersanti “Venezia, il filo dell’acqua” prima edizione, 2009 “L’epoca degli editori e degli scrittori, del loro sodalizio, era finita da tempo. Lo proclamò proprio dove la grande avventura era iniziata. Il pubblico preferiva la biancheria intima.” (Claudio Piersanti “Venezia, il filo dell’acqua”) “New York”, scriveva Parise, “è, insieme a Venezia cui non troppo stranamente assomiglia, la città più bella

Philippe Djian: “Criminels”
Roberto Saporito /

Philippe Djian: “Criminels”

Philippe Djian “Criminels” Prima edizione 1997   “La vita mette sempre paura, a pensarci. Ma uno se lo dimentica.” (Philippe Djian “Criminali”) “A volte, gli oggetti ti aiutano a capire cosa succede. È come aprirsi la testa per darci un’occhiata.” (Philippe Djian “Criminali”)   “Il sesso, a volte, è come una bombola d’ossigeno. Forse si fa per non morire.” (Philippe

Joe Brainard: “I Remember”
Roberto Saporito /

Joe Brainard: “I Remember”

Joe Brainard “I Remember” Prima edizione 1970 “Mi ricordo che dopo che qualcuno se n’era andato pensavo alle cose che avrei dovuto dire e non avevo detto.” (Joe Brainard “Mi ricordo”) “Mi ricordo lavanderie a gettoni illuminate e deserte la notte.” (Joe Brainard “Mi ricordo”) “Mi ricordo quando mi credevo un grande artista.” (Joe Brainard “Mi ricordo”) “Mi ricordo quando

Donna Tartt: The Goldfinch
Roberto Saporito /

Donna Tartt: The Goldfinch

Donna Tartt “The Goldfinch” prima edizione 2013 “Perché questa è la verità: la vita è una catastrofe.” (Donna Tartt “Il cardellino”) “Non siamo noi a determinare il tipo di persona che siamo.” (Donna Tartt “Il cardellino”) “La maggior parte delle persone sembravano soddisfatte della sottile patina ornamentale e del sapiente gioco di luci che, di tanto in tanto, facevano apparire

Francis Scott Fitzgerald “The Beautiful and Damned”
Roberto Saporito /

Francis Scott Fitzgerald “The Beautiful and Damned”

Francis Scott Fitzgerald “The Beautiful and Damned” Prima edizione 1922 “Un classico è un libro di successo che è sopravvissuto alle reazioni dell’età  o della generazione successiva. Dopodiché può star tranquillo, come uno stile architettonico o un mobile d’epoca. Avrà acquisito una pittoresca dignità che prende il posto della moda…” (Francis Scott Fitzgerald “Belli e dannati”) “Ma in fin dei

Dana Spiotta: Vivere un segreto
Roberto Saporito /

Dana Spiotta: Vivere un segreto

Dana Spiotta “Eat the Document” Prima edizione 2006     “Sei tu che controlli quello che la gente pensa sia vero di te.” (Dana Spiotta “Vivere un segreto”) “E’ più sovversivo della capitolazione o dell’opposizione diretta avere delle contraddizioni consapevoli e deliberate.” (Dana Spiotta “Vivere un segreto”) “Com’è possibile conoscere qualcosa che non si conosce?” (Dana Spiotta “Vivere un segreto”)

David Foster Wallace “Girl with Curious Hair”
Roberto Saporito /

David Foster Wallace “Girl with Curious Hair”

David Foster Wallace “Girl with Curious Hair” Prima edizione, 1989   “Credo che mi faccia paura assolutamente tutto ciò che esiste.” (David Foster Wallace “La ragazza dai capelli strani”)   “In tutti i miei sogni il mondo è ventoso, disordinato, grigio.” (David Foster Wallace “La ragazza dai capelli strani”)   “Soffro di un infelice e sostanzialmente stupido desiderio di essere

Rick Moody “Purple America”
Roberto Saporito /

Rick Moody “Purple America”

Rick Moody “Purple America” Prima edizione 1996   “Cristo santo, non sta forse tra i diritti sacrosanti il perseguimento della felicità?” (Rick Moody “Rosso americano”) “Le cose che eviti diventano tue alleate.” (Rick Moody “Rosso americano”) “Le parole ‘significavano’ civiltà.” (Rick Moody “Rosso americano”) “Solitudine e negozi notturni sono collegati.” (Rick Moody “Rosso americano”) “I sottomarini nucleari continuano a salvaguardare

Don DeLillo “The Angel Esmeralda”
Roberto Saporito /

Don DeLillo “The Angel Esmeralda”

Don DeLillo “The Angel Esmeralda” prima edizione, 2011 “Noi contiamo sul fatto che le notizie scompaiano, dice mio padre. Poi mio padre e’ diventato una notizia. Poi è scomparso.” (Don DeLillo “L’angelo Esmeralda”) “Le persone che hanno bisogno di definire se stesse dovrebbero stare nei dizionari.” (Don DeLillo “L’angelo Esmeralda”) “Sacrificare a volte il significato all’impulsività. Lasciare che le parole

John Barth, La vita è un’altra storia
Roberto Saporito /

John Barth, La vita è un’altra storia

John Barth “La vita è un’altra storia” Prima edizione italiana, 2010 “Il celebre romanziere dell’Ottocento Gustave Flaubert, autore di “Madame Bovary”, una volta dichiarò che ciò che gli sarebbe davvero piaciuto scrivere era un romanzo sul Nulla.” (John Barth “La vita è un’altra storia”) “Il dato proveniente dalla vita reale potrà essere pressoché impercettibile dopo che l’immaginazione narrativa l’avrà inserito

Bernard Malamud “Pictures of Fidelman: An Exhibition”
Roberto Saporito /

Bernard Malamud “Pictures of Fidelman: An Exhibition”

“Se non puoi inventare l’arte, inventa la vita.” (Bernard Malamud “Ritratti di Fidelman”)   “Se non sono un’artista non sono niente.” (Bernard Malamud “Ritratti di Fidelman”)   “L’arte non è la vita.” (Bernard Malamud “Ritratti di Fidelman”) L’arte vive di incidenti.” (Bernard Malamud “Ritratti di Fidelman”)   “L’arte è furto. Tutti sono ladri.” (Bernard Malamud “Ritratti di Fidelman”)   “Se

Philippe Djian “Assassins”
Roberto Saporito /

Philippe Djian “Assassins”

Philippe Djian “Assassins” Prima edizione 1994   “Se sei sano di mente, alla fine o ti suicidi o ti fai frate dopo che ti è venuta un’ulcera.” (Philippe Djian “Assassini”)   - Secondo lei, cosa è importante? - E’ più difficile capire quello che non lo è. Bisogna “sbarazzarsi” dei pesi inutili, credo. – ” (Philippe Djian “Assassini”)   “La vita

Emmanuel Carrère “Limonov”
Roberto Saporito /

Emmanuel Carrère “Limonov”

Emmanuel Carrère “Limonov” Prima edizione 2011 “Era come se avessi dovuto intervistare tutti insieme Houellebecq, Lou Reed e Cohn-Bendit: due settimane con Limonov, che fortuna!” (Emmanuel Carrère “Limonov”) “L’Hotel Winslow è un rifugio per i russi, soprattutto ebrei, che appartengono come lui alla «terza emigrazione», quella degli anni Settanta. Eduard è in grado di riconoscerli per strada, anche di spalle, dalla

Jennifer Egan “Look at me”
Roberto Saporito /

Jennifer Egan “Look at me”

Jennifer Egan “Look at me” prima edizione 2001   “Noi siamo ciò che vediamo.” [Jennifer Egan "Guardami"]   “I ricordi non sono una cosa un po’ obsoleta, in un mondo in cui nel giro di qualche ora puoi arrivare dappertutto?” [Jennifer Egan "Guardami"] “McDonald’s era un posto dove tutti sembravano stupidi.” [Jennifer Egan "Guardami"]     “Dai alla gente un boccone

Virginie Despentes “Apocalypse Bébé”
Roberto Saporito /

Virginie Despentes “Apocalypse Bébé”

Virginie Despentes “Apocalypse Bébé” prima edizione, 2010 “I figli sono i vettori autorizzati della sociopatia dei genitori. Gli adulti si lagnano facendo finta di essere sopraffatti dalla vitalità destroy dei loro piccoli, ma salta agli occhi che godono di poter finalmente rompere i coglioni alla terra intera, impuniti, per mezzo dei loro figli.” [Virginie Despentes, "Apocalypse Baby"] “Sarai sempre un

Bernard Malamud “Dubin’s Lives”
Roberto Saporito /

Bernard Malamud “Dubin’s Lives”

Bernard Malamud “Dubin’s Lives” Prima edizione 1979   “Quello che non dici cresce e si tramuta nel mutismo.” [Bernard Malamud "Le vite di Dubin"]   “Sminuisci l’uomo e la sua scrittura ne soffre.” [Bernard Malamud "Le vite di Dubin"]   “Non c’è niente di meglio che interrompere l’andazzo della vita quotidiana per far scorrere la mente, con esultanza.” [Bernard Malamud